Visualizzazioni totali

venerdì 26 gennaio 2018

ADDIO SCHEDA CARBURANTE, “BENVENUTA” FATTURA ELETTRONICA


Dal 1 luglio 2018 le cessioni di benzina e gasolio nei confronti di titolari di partita iva dovranno essere giustificate esclusivamente con fatture elettroniche.

Da luglio, quindi, (anche) facendo benzina dal distributore stradale, per dedurre il costo e detrarre l’iva, i titolari di partita iva dovranno richiedere la fattura elettronica; la scheda carburante non avrà più alcun valore fiscale.

Dal 1 luglio, inoltre, per poter dedurre il costo e detrarre l’iva legata al carburante si dovrà obbligatoriamente pagare con carta di credito o con bancomat. Il pagamento in contanti verrà, ovviamente, accettato dal benzinaio ma non verrà riconosciuto ai fini fiscali.

Bisogna sottolineare che si deve ritenere che la carta di credito od il bancomat, dovranno essere intestati al titolare di partita iva che acquista il carburante. Se un professionista fa benzina in autostrada e la carta di credito è ad esempio del coniuge non sarà possibile dedurre il costo e detrarre l’iva.

La fattura elettronica sarà emessa nel formato Xml ed inviata attraverso il Sistema di Interscambio (SdI) per poi essere conservata dieci anni nell’apposito cloud.


Oggi chi paga solo con carta di credito o con bancomat, può utilizzare l’estratto conto in luogo della scheda carburante come documento utile per la deduzione del costo e per la detrazione dell’iva. Dal tenore letterale della norma, però, è pensabile che questo non si potrà più fare. Si spera che venga fatta chiarezza su questo ultimo punto del mio articolo.