Visualizzazioni totali

mercoledì 16 settembre 2015

Voluntary Disclosure - ottenuta la proroga (breve)

Boccata di ossigeno per chi, come lo scrivente, deve predisporre pratiche di Voluntary Disclosure per i clienti.
Viene concessa infatti una proroga (a dire il vero breve) per il disbrigo della pratica con, però, come contraltare, la richiesta di nuova documentazione per le annualità non più accertabili fiscalmente ma ancora fuori dalla prescrizione penale.
Con il provvedimento pubblicato nella serata dell’altro ieri dalle Entrate (2015/116808, a firma del direttore Rossella Orlandi e del direttore dell’accertamento, Aldo Polito), ci saranno 30 giorni in più per trasmettere la relazione e la documentazione a corredo dell’istanza di rientro dei capitali. Il maggior tempo, sempre 30 giorni, c’è anche per chi ha già chiuso istanza e documentazione ma deve integrarle.
Le nuove istanze devono in ogni caso essere presentate entro il 30 settembre ma si hanno sempre 30 giorni di tempo per l’invio della relazione accompagnatoria (fino all’altro ieri si doveva provvedere all’invio dell’intera documentazione entro 30 giorni dalla ricezione dell’istanza di adesione ma comunque non oltre il 30 settembre – escluso un piccolo caso di differimento di pochi giorni per chi presentava l’istanza tra il 26 ed il 30 settembre).
Per aver certezza della «non punibilità» prevista dal Dlgs 128/15, il contribuente deve però svelare e documentare gli eventuali illeciti che ha commesso a partire dal 2008; due annualità in più rispetto a prima.
La proroga (si sperava in realtà nell’ottenimento di un maggior tempo) risulta molto ultime anche perché, chi ha già inviato istanze, ha riscontrato direttamente un problema informatico di comunicazione a causa dei file troppo pesanti (relazioni più documentazione). Il sistema informatico dell’Agenzia delle Entrata infatti a volte blocca l’invio della relazione accompagnatoria con i relativi allegati proprio per via delle dimensioni dei file che le Entrate richiedono.